Privacy Policy







BUSS“ IL VENTO
di Emily Dickinson

BussÚ il vento come un uomo stanco
e io senza indugio
da padrona di casa dissi "avanti",
ed esso venne dentro.

Un ospite veloce, senza piedi,
cui offrire una sedia era impossibile
come invitare l'aria
ad accomodarsi sul sofŗ.

Non aveva ossatura a sostenerlo.
Il suo parlare era come l'empito
di tanti colibrž in una volta
dall'alto di un cespuglio,

il suo volto un'ondata.
mentre passava le sue dita sparsero
una musica, come un'armonia
vibrante soffiata sopra un vetro.

Sempre aleggiando fece la sua visita,
poi come un uomo timido
bussÚ ancora - a raffica, nervoso -
e io rimasi sola.



Poesie e Canzoni - Poems and Songs
Omaggio alla Poesia - Poetry Homage



HOME



grafica di angela campanella
tutorial di Casiop